IL SEGNO DI ZORRO

Le suore bianche erano molto più che bianche: erano eteree. E tutto quello che le circondava era dolcemente rarefatto, a iniziare dal portone in strada, di un nocciola morbido, quasi liquido, che si stemperava in muri docili e chiari. 

Entravo nell’androne e ai miei occhi si apriva un mondo tenue e impalpabile, una nuvola bianca di soavissime graniglie e marmi candidi. La luce dei vetri smerigliati rendeva delicata ogni ombra e i pochi scalini portavano là dove tutto era buono.

Delle suore bianche non ricordo alcun viso e alcun nome, forse perché non avevano né l’uno né l’altro. E non ricordo altri bambini all’infuori di me. Tutto era come protetto da una carta velina: solo i chiodini di plastica, che infilavo eccitato in una griglia bianchissima, esplodevano di colori vivaci, tinte forti e accese, come punture di vita inebriante. 

Vennero poi le suore nere. L’asilo non sfumava nel cielo tra le foglie: era grigio e scuro, dai contorni marcati e spigolosi, circondato da una cancellata che era quasi un monito, un avvertimento.

Per entrare non bastavano pochi gradini, si salivano scale estenuanti e si veniva consegnati alla suora di turno, anch’essa scura e spigolosa, dai contorni netti e definiti. E di ogni suora nera riconoscevo la faccia e ricordavo il nome, sapendo che non erano tutte uguali: una comandava ed era quella di cui avere più paura.

Ci perquisiva per scoprire giochi abusivi, lanciava occhiate severe e riprendeva aspramente chi non sapeva le preghiere a memoria. Qui ricordo altri bambini. E sopra tutti ricordo Diego. Diego, a carnevale, con quel suo vestito da Zorro. Non riuscivo a imparare le preghiere a memoria e non avevo quel vestito da Zorro. Le suore bianche erano state un inganno.

Annunci

~ di impollinaire su settembre 24, 2013.

8 Risposte to “IL SEGNO DI ZORRO”

  1. Scusami ma l’emozione è troppo forte; sei tornato! ora rileggo il tutto e poi commento a modo mio. 🙂

  2. Meraviglioso. Un abbraccio,bentornato

  3. Anche io ho avuto suore nere, che ricordo benisssimo.. Mi è piaciuto il particolare dei chodini colorati..
    Ciao e buon weekend
    Julia

  4. Le suore bianche sono solo un sogno, Impo. Quelle vere sono corvi. 😐

  5. Non ho mai avuto suore, se non quelle degli ospedali che sono stata costretta a frequentare, ma qui c’è un bel contrasto…che si fra il bene e il male?
    Ritrovarti così fiammeggiante … che bello! Ciao 🙂

  6. Ciao impo..
    Più che zorro ora pari più un fantasma..
    Grazie del passaggio
    Buon luglio e buon tutto
    Julia

  7. Gians, è un bel po’ che aspetto il tuo commento ragionato ma vedo che niente quindi mi tocca rompere gli indugi, spero te la passi alla grande
    Zelda, troppo buona come sempre, a presto
    Julia, bei ricordi le suore nere? non erano le mie, ahhh i chiodini colorati, che droga meravigliosa
    Nico, le suore bianche erano una vita appena postuterina, sì un sogno, il vero è venuto dopo
    Specchio, non è tra il bene il male, tra la vita immaginata e la vita vera, per alcuni potrebbe essere tra il bene e il male a pensarci meglio
    Julia, con i fantasmi sei efficace come un cavaturaccioli, eccomi qua!

    un abbraccio a presto

  8. Un ricordo molto affascinante… e un monito per tutti: non fate cosacce davanti alle signore in cinta. Ciao 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: